20881926_965063843635669_8258699130357682393_n.jpg

24 agosto 2018 wp_6917406

http://www.giornaledelcilento.it/it/22_08_2018_a_cillisi_la_fiera_gastronomica_cilentana_che_ha_registrato_numeri_record_3376540.html#.W3-61M4zapp

Luigi Martino • 22 agosto 2018 11:10

Nel Cilento, d’estate, c’è un mondo fantastico oltre alla sabbia e il mare cristallino della costa. Profumi del passato e sapori della tradizione. Tra le stradine inerpicate del centro storico di Celle di Bulgheria, per tre giorni, migliaia di turisti hanno avuto la possibilità di assaggiare prelibatezze uniche e di ammirare il lavoro dei maestri artigiani del luogo. La sesta fiera gastronomica della cucina Cellese, ha riscosso un successo straordinario. Il merito va tutto all’associazione ‘Asscer Cellarum’, una squadra di giovani motivatissimi che è riuscita a far pulsare forte il cuore di uno dei borghi più belli del Cilento nei giorni 17, 18 e 19 agosto.

Come era organizzata
I turisti sono arrivati a Celle di Bulgheria, hanno posteggiato la propria auto nei pressi del campo sportivo comunale e, a bordo di un efficiente servizio navetta, hanno raggiunto l’inizio del percorso gastronomico. Alla cassa i giovani dell’Asscer Cellarum cambiavano i soldi in ticket. Ogni ticket aveva il valore di 1 euro o 1 euro e 50 centesimi. Con i ticket si potevano acquistare le pietanze e dell’ottimo vino rosso.

I piatti tipici
Nel primo stand muzzarella ‘nda murtella, prosciutto, pancetta, capocollo, soppressata. Tutti salumi paesani. Poi cavatelli e fusilli. E ancora: spaghetti aglio e olio, ravioli al sugo, polpette di carne, carne alla pizzaiola, pasta e fagioli, melanzane imbottite, parmigiana di melanzane, caciocavallo, soffritto, formaggio fresco di capra e decine e decine di prodotti ancora.

Tra i piatti tipici del posto che sono andati per la maggiore, troviamo la Ciaudedda, i Ruspitieddi, i Pizzatulieddi, i Paddocculi. In piazza Umberto Primo migliaia di persone provenienti da ogni paesino del Cilento. Poi griglie con carne alla brace, dolci della cucina locale e musica cilentana dal vivo. Una meraviglia i bambini con l’organetto che allietavano la passeggiata con brani della tradizione popolare. Alla fine un digestivo e un arrivederci con appuntamento alla settima edizione di ‘A Cillisi’.

 

        


28164923_1283962028369936_3870647817925954313_o-1200x675.jpg

13 marzo 2018 wp_6917406

L’associazione Fiab Camerota-Cilentoinbici, in collaborazione conCilentoinbici ASDBike Team – Solo per passioneSentieri del Cilento,organizza per il 18 Marzo un’escursione Bici+Trekking sul tratto di ferrovia dismesso Centola-Poderia della linea Salerno-Reggio Calabria, con il fine comune di evidenziarne la bellezza e di promuoverne il recupero dello stesso, per la realizzazione di una bellissima Greenway.
Itinerario collocato ai piedi del Monte Bulgheria, in una valle dal fascino particolare, dove le testimonianze del passato raccontano storia, leggende e mitologia.

Programma della giornata:
L’escursione dopo un primo momento istituzionale sui vecchi binari, s’inerpica tra gli ulivi per raggiungere il comune di Centola, dove visiteremo il “Convento dei Cappuccini”, il significativo Centro Storico con la “Torre Campanaria”, ed infine ci soffermeremo, sul “Terrazzo della Serra”, che ci regalerà una bellissima vista sul promontorio di Capo Palinuro.
Termineremo l’escursione al Maneggio-Centro ippico “La Staffa” tra cavalli e natura sulla foce del fiume Mingardo.
La partecipazione all’escursione è gratuità!!!
Per chi vuole aderire al Pranzo la quota è di 10 Euro.

Luogo di partenza: Stazione di San Severino-Centola
Distanza: circa 20km
Difficolta: Media Alta (qualche salita e discesa impegnativa)
Altimetria:320m
Capo Gruppo: Francesco Moretti
Per info:3394332678

https://bikenbike.com/it/tour/ferrovie-dismesse/1350


9_17_settembre-1200x840.jpg

4 ottobre 2017 wp_6917406

In ricordo delle origini del nome dato al nostro b&b non potevamo sottrarci  dallo sponsorizzare ed organizzare attivamente il viaggio cicloturistico alla scoperta della Bulgaria: ad un anno dal primo gemellaggio ciclistico che ha unito l’Italia e la Bulgaria tramite le due cittadine Celle di Bulgheria e Veliki Preslav abbiamo mantenuto vivo il legame tra le due nazioni.

Sono stati 6 giorni di pedalate intense ed appaganti, percorrendo 930 km sulle strade che dalla capitale Sofia hanno condotto Luigi Pepe, Antonino Campisi, Sergio Gerardo e Raffaele Carelli fino al Mar Nero percorrendo il massiccio dei monti Rodopi, noti per le aree carsiche presenti e le profonde gole solcate da torrenti, ampie caverne e particolari forme di scultura naturale. Protagoniste del tour sono state non solo le due ruote, ma anche territori, cultura, gastronomia e storia creando un’esperienza unica ed autentica con le sensazioni che solo la bicicletta riesce a trasmettere.

Le principali città toccate sono state Sofia, Rila, Simitli, Kovachevitsa, Dospat, Batak, Plovdiv, Arbanasi, Sipka, Veliki Preslav e Varna punto di arrivo sul mar Nero.

      

   

Attraversare la Bulgaria e viverla sulle due ruote è stato un motivo per apprezzarne la ricchezza e la diversità culturale, celebrando le comuni caratteristiche oltre che ad accrescere il senso di appartenenza quali cittadini europei ad uno spazio culturale comune.

A supporto del team di cicloturisti un team addetto alla logistica formato da Rosen Rachev e Petra, sempre a supporto del quartetto lungo i quasi 1000 km di strada attraversata. Accoglienza calorosissima in tutti paesi e città attraversate, a partire da Sofia dove il Sindaco del Municipio “Triaditza” Nikolai Terziev ha salutato i partenti con un caloroso saluto. All’arrivo della prima tappa a Simitli ancora una grande accoglienza dagli amministratori e cittadini. Altra tappa che ha dato grandi gioie è stata quella che ci ha portato ad una lunga sosta suggerita dal Console Onorario a Varna Antonio Tarquinio presso la nutrita comunità italiana presente a Pazardijik capitanata dal simpaticissimo Antonio Tutino. Proseguendo il viaggio ed arrivati a Veliki Preslav si respirava aria di casa, rivedendo quelli che ormai sono da considerare amici di lunga data. Presso il museo archeologico si è svolta la cerimonia di benvenuto da parte dei gruppi folk locali e dei bambini protagonisti di balli e canti bulgari e italiani sotto gli occhi del sindaco Alexander Gorchev. Passerella finale durante l’ultima tappa, con la compagnia di numerosi ciclisti bulgari con arrivo nella piazza di Varna ed incontro istituzionale con i delegati consolari.

         

 


152707944-63e0703f-cfcf-4c56-b31c-2c674a38be6a.jpg

17 agosto 2017 wp_6917406

A Celle di Bulgheria torna A’ Cillisi, un salto nel tempo con musiche e pietanze antiche

ELLE DI BULGHERIA. Ricchi banchetti a base di antiche pietanze contadine, allestiti nei cortili dei palazzi antichi e nei vicoli del centro storico.  Si respira aria di fine ‘800 a Celle di Bulgheria dove domani sera prenderà il via la quinta edizione d’ “A’ Cillisi”, l’ormai tradizionale e frequentatissima festa gastronomica che porterà il suggestivo borgo del Cilento indietro nel tempo. La kermesse, organizzata dall’associazione “Asscercellarum” in sinergia con il Comune, verrà presentata questa sera, alle ore 18.30, nell’ambito di un incontro-dibattito con le imprese e i giovani locali sul tema “Costruiamo un nuovo percorso produttivo”. Ricco il programma della manifestazione che si concluderà sabato sera: come sempre spettacoli nelle vie e nelle piazze del paese, performance itineranti, mercato degli antichi mestieri e taverne all’aperto dove riscoprire antichi sapori e ricette, ma anche giochi e laboratori per i più piccoli. Avvolto dalla magia del luogo, i turisti saranno ammaliati dalla fantasia e dal sapore di una cucina originale e stuzzicante, in un connubio di profumi, sensazioni ed emozioni. Dalla pasta fatta in casa alle zeppole fritte, dai cavatelli alle melenzane imbottite.  “Un’escursione del sapore e una reminiscenza delle vecchie tradizioni – spiegano gli organizzatori – il posto ideale per gustare pietanze cilentane e godere dell’ allegria e della musica di una grande festa popolare”. “Nulla è stato lasciato al caso – racconta con un pizzico di orgoglio il sindaco Gino Marotta – gli organizzatori, quasi tutti giovanissimi, hanno chiesto consigli alle persone anziane del paese per riprodurre usi e costumi di un tempo. E’ la festa di tutti, soprattutto dei turisti che non verranno accolti come visitatori ma come amici e familiari”. Info e programma completo su www.asscercellarum.it.

di VINCENZO RUBANO

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2017/08/16/foto/a_celle_di_bulgheria_torna_a_cillisi_un_salto_nel_tempo_con_musiche_e_pietanze_antiche-173169300/1/#9