15672548_1307762322624583_3186115413799348463_n.jpg

10 gennaio 2019 wp_6917406

Programma tipo::
ore 08.00 Colazione presso la struttura
ore 08.30 Briefing organizzativo, verifica sicurezza bici (pneumatici, sistema frenante etc..)
ore 09.00 Partenza da Celle di Bulgheria
ore 10.00 (Km 16) Loc. Ciolandrea di San Giovanni a Piro, visita al punto panoramico
ore 10.30 (km 34) Marina di Camerota vista della grotta della Cala, grotta della Serratura, Spiaggia della Calanca
ore 11.30 (km 40) passaggio vicino alla spiaggia del Mingardo, Arco naturale.
ore 12.00 (km 45) passaggio gole del Mingardo – borgo medievale di S. Severino di Centola, ponte ferroviario.
ore 13:00 (km 50) arrivo

Il monte Bulgheria affascina per la sua imponenza e le sue peculiarità geologiche e naturalistiche, con questa escursione potrete ammirarlo da vicino, grazie ad un percorso ad anello tra colline e mare.

Tema cicloescursionistico:  paesaggistico, naturalistico.
Lunghezza: 50 km
Dislivello: 1.000 m
Tempo medio (escluse soste): 3 h
Fondo stradale: asfalto 98% sterrato 2%
Percentuale di ciclabilità: 100%
Periodo consigliato: marzo – novembre
Punto di partenza: Piazzetta Alzeco – Celle di Bulgheria

Informazioni tecniche: L’anello del Monte Bulgheria permette di visitare un paesaggio unico, che fa scoprire il mare e la montagna. La lunghezza è di 50 km con la salita più impegnativa che porta a San Giovanni a Piro (affrontando il percorso in senso orario) oppure a Lentiscosa (affrontandolo in senso antiorario), scollinati a San Giovanni a Piro si apre lo scenario del Cilento più selvaggio, sulla sinistra lo splendido territorio collinare degradante che arriva fino al mare della costa della Masseta e a Porto Infreschi, veloci si attraversano le stradine di Lentiscosa per giungere a Marina di Camerota, dove è d’obbligo una sosta per godersi la vista del mare. pianura e vista mare accompagnano fino a Palinuro, dopo uno strappo breve al 10% nei pressi dell’Happy village. Arrivati alla rotonda si prende la prima uscita a destra iniziando il tratto delle Mingardina che costeggia il fiume Mingardo (da cui prende il nome), arrivati al bivio si svolta a sinistra e si segue in direzione San Severino di Centola, il cui borgo medievale è visibile sulla sinistra. Una sosta per rinfrescarsi nei pressi del fiume Mingardo scendendo nell’oasi Panoria sotto i piloni del vecchio ponte ferroviario in mattoni rossi e poi ultimi 5 km di salita costante al 3% verso Celle di Bulgheria.

Numero di persone richiesto:  min. 2 e multipli.